E' stata pubblicata la nuova norma italiana relativa ai dispositivi d'ancoraggio destinati all'installazione permanente.
 
La norma in questione era ampiamente attesa da tutti gli operatori del settore, dopo la confusione venutasi a creare con l'aggiornamento della UNI EN 795:2012 (Dispositivi individuali per la protezione contro le cadute - Dispositivi di ancoraggio)
 
 
Dal catalogo presente sul sito dell'UNI estrapoliamo i dati salienti di questa nuova norma:
 
Norma UNI 11578:2015  (Dispositivi di ancoraggio destinati all’installazione permanente - Requisiti e metodi di prova)
 
Data entrata in vigore : 09 aprile 2015
 
Sommario : La norma specifica i requisiti e i metodi di prova per dispositivi di ancoraggio, che comprendono punti di ancoraggio fissi o mobili, destinati all’installazione permanente su o nella struttura, progettati per:
- ospitare uno o più utenti collegati contemporaneamente;
- l’aggancio di componenti di un sistema anticaduta conformi alla UNI EN 363, anche quando questi ultimi sono progettati per l'uso in trattenuta.
La norma fornisce inoltre i requisiti per la marcatura e le istruzioni per l’uso, e una guida per l’installazione. E’ basilare considerare che, nonostante siano specificati i requisiti e i metodi di prova per dispositivi di ancoraggio installati in strutture da simulare specificamente, la conformità ai requisiti di questa norma non sostituisce in alcun modo la verifica relativa al sistema di ancoraggio installato su o nella struttura specifica di installazione.
La norma non si applica a:
• dispositivi di ancoraggio temporanei, rimovibili e trasportabili per i quali si applicano la UNI EN 795 o la UNI CEN/TS 16415;
• equipaggiamento progettato per essere conforme alla UNI EN 516 o alla UNI EN 517;
• elementi o parti di strutture che siano state installate per uso diverso da quello di punto di ancoraggio o dispositivo di ancoraggio, per esempio travi e colonne.